News

World Eating Disorders Action Day-2 Giugno 2021

I “disturbi del comportamento alimentare” (DCA) sono malattie complesse, multifattoriali, della mente e del corpo, che il Coordinamento Nazionale per i Disturbi Alimentari si impegna a far conoscere con parole corrette e azioni di sensibilizzazione. Tanto che il 2 giugno, in concomitanza con la Festa della Repubblica italiana, il Coordinamento attraverso le 17 Associazioni di volontariato si unisce al 6th Annual World Eating Disorders Action Day, movimento mondiale che unisce più di 200 organizzazioni in 50 paesi.
I disturbi alimentari colpiscono fino a 70 milioni di persone in tutto il mondo (di cui 3 in Italia, con un +300% dai primi anni Novanta ad oggi). Colpiscono persone di ogni età, identità razziale ed etniche, nazionalità, abilità, e background socioeconomico; e hanno il più alto tasso di mortalità di qualsiasi malattia mentale. Tuttavia molti pazienti non accedono alle cure.
Le cure sono complesse e multidisciplinari, la tempestività nel cogliere i sintomi es-senziale, ma la metà delle regioni italiane non ha una rete completa di assistenza, così i pazienti sono costretti a curarsi lontano da casa, con grandi disagi per i pazienti (spesso giovani e giovanissimi) e per le loro famiglie. È proprio a causa di queste migrazioni forzate tra Regioni, dovute alla mancanza di una rete omogenea di centri in tutto il territorio nazionale, che il Coordinamento Nazionale Disturbi Alimentari ha scelto tra le parole simbolo “equità” per unire il 2 giugno 2021, Festa della Repubblica, e la Giornata Internazionale: equo e per tutti deve essere il diritto alla salute e alla cura, sancito dall’art. 32 della Costituzione.
«Secondo il Ministero della Salute, gli individui con lo stesso stato di salute o di bisogno devono venire trattati egualmente (UGUAGLIANZA). Gli individui con peggiore stato di salute o con maggiore bisogno devono venire trattati più favorevolmente” (EQUITÀ)» dice La Presidente del Coordinamento Nazionale per i disturbi alimentari, Maddalena Patrizia Cappelletto. «Chi soffre di disturbi alimentari, spesso persone giovani o giovanissimi, ha bisogno di maggiore riconoscimento della complessità della sua malattia, maggiori attenzioni, maggiori cure, maggior investimento di risorse, maggiore omogeneità della rete di cura e della distribuzione dei 5 livelli di cura in tutto il territorio nazionale»

Articoli correlati
TAVOLA ROTONDA DEI RELATORI SU DOMANDE DEI PARTECIPANTI

TAVOLA ROTONDA DEI RELATORI SU DOMANDE DEI PARTECIPANTI

Pubblicata sul nostro canale YouTube la puntata conclusiva del video del Convegno […]

Intervista a Silvia Mezzanotte, testimonial del convegno

Intervista a Silvia Mezzanotte, testimonial del convegno

Pubblicata sul nostro canale YouTube la dodicesima puntata del video del Convegno […]

Domande e risposte 4 – Gli esperti rispondono

Domande e risposte 4 – Gli esperti rispondono

Prosegue la serie di Domande e Risposte poste dal pubblico e dalle […]